Schivo e solitario nella sua baracca poggiata al tufo ai piedi del “Rione Terra” antico nucleo puteolano, con lo sguardo verso il mare che le sue barche ancora solcano, Antimo custodisce i segreti di un’arte antica. Le sue abili mani hanno iniziato ancora bambino a lavorare il legno docile sotto la sua vetusta sapienza. Oggi che il gozzo puteolano non viene più richiesto il suo sogno è poterne regalare uno alla sua città.​​​​​​​ (Maria Esposito)
Back to Top